News

N. 23 risultati trovati

18 Luglio 2015 - Trivento

IL FRANTOIO PAVONE ADERISCE ALLA RETE E-COMMERCE “IL BORGO DEL MOLISE”

IL FRANTOIO PAVONE ADERISCE ALLA RETE E-COMMERCE "IL BORGO DEL MOLISE" A partire dal mese di luglio, l'azienda olearia "Pavone" amplia e innova la commercializzazione dell'olio extra vergine di oliva aderendo alla rete e-commerce "il Borgo del Molise". L'iniziativa e' stata promossa e sostenuta dal gal "Molise verso il 2000" nell'ambito dell'approccio Leader del programma di sviluppo rurale del molise 2007-13, misura 421 "Cooperazione". Nel negozio on line oltre all'olio extravergine di oliva si potranno acquistare le eccellenze dei prodotti tipici agroalimentari molisani (miele, vino, tartufo, salumi, farine, pasta, confetture, ) e dell'artigianato (ceramiche e terre cotte). Prodotti garantiti della filiera corta a disposizione per i piu' svariati gusti e esigenze dei consumatori. Per saperne di piu' visita il sito : www.borgodelmolise.it

18 Luglio 2015 - Trivento

27 LUGLIO 2015 : A TRIVENTO LA 1° EDIZIONE DELLA FIERA AGROALIMENTARE

27 LUGLIO 2015 : A TRIVENTO LA 1° EDIZIONE DELLA FIERA AGROALIMENTARE IL FRANTOIO PAVONE PROTAGONISTA DELLA SERATA ALL’INSEGNA DELLA DEGUSTAZIONE DELL’OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. In occasione della 1° edizione della mostra mercato dell’agroalimentare triventino che si terrà il 27 luglio 2015, propone ai gentili ospiti e cittadini una serata di degustazione dell’olio extra vergine di oliva. Nello scenario incantevole dell’antico frantoio (i cui locali ospitarono il primo "trappeto" nel 1890), guidati dall’esperto elaiotecnico dott. Maurizio Corbo, sarà offerto un momento formativo (mini corso) di valutazione sensoriale degli oli extravergini mediante la tecnica del classico "strippaggio" e la degustazione con abbinamento a pietanze speciali. Nel corso della serata sono programmati due appuntamenti per gruppi di 20 persone: alle ore 21,00 e alle 22,00 Info e prenotazioni: Rossella Pavone 333 2054346 - Nicola Pavone 335 1882319

21 Dicembre 2014 - Trivento

RINNOVATA L’IMMAGINE DEI “MASTRI OLEARI” PAVONE

RINNOVATA L'IMMAGINE DEI "MASTRI OLEARI" PAVONE Per l'azienda Pavone l'anno 2015 si affaccia con una azione di restyling e qualificazione dell'immagine e del packaging , attraverso il rinnovamento delle etichette utilizzate per il condizionamento dell'olio extra vergine di oliva commercializzato dal frantoio omonimo. Grazie ad un approfondito e meticoloso studio grafico e ricerca del design comunicativo è stata progettata l'etichetta Pavone che ha coniugato la semplicità, l'originalità e la raffinatezza dell'immagine, senza trascurare i requisiti e le informazioni obbligatorie fissate dalla vigente normativa di riferimento. Il colore di fondo, quello delle scritte, le forme, i caratteri, i simboli hanno contribuito a conferire nell'insieme una singolare ed efficace sintesi informativa nell'intento di non lasciare indifferente il passaggio visivo del consumatore. I colori utilizzati sono stati il nero per lo sfondo in segno di semplicità ma nel contempo di signorilità e lusso e per la grafica il giallo oro a testimonianza del prezioso valore del contenuto , arricchito di simboli di riferimento che hanno dato un tocco di originalità al marchio, esaltandone la storia e la tradizione innovativa.

16 Novembre 2014 -

ANNATA NERA DELLA CAMPAGNA OLEARIA 2014, MA ………………… BUONA LA QUALITA’

ANNATA NERA DELLA CAMPAGNA OLEARIA 2014, MA ………………… BUONA LA QUALITA’ La campagna olearia 2014 è da dimenticare : si è confermato, secondo le previsioni, un calo produttivo record (- 60% rispetto alle precedenti annate), per contro , nell’interland triventino, la qualità dell’olio è stata decisamente soddisfacente nei confronti di altri territori della regione e della nazione in cui si è rinunciato alla raccolta delle olive in quanto irreparabilmente danneggiate dal massiccio attacco da parte della mosca dell’olivo (Bactrocera oleae o Dacus oleae), insetto che a causa dell’andamento meteo climatiche (temperature e umidità) si è diffusamente insediato devastando gran parte degli oliveti, soprattutto nelle aree poste a quote altitudinali più basse. I fattori che hanno giocato un ruolo importante a favore della qualità della materia prima e conseguentemente del prodotto sono stati: - Caratteristiche stazionali (altitudine, esposizione e clima) della maggior parte degli impianti olivicoli localizzati principalmente alle quote medio alte del territorio di riferimento; - Significativo anticipo (circa 20 giorni rispetto alle annate trascorse) della raccolta delle olive molte delle quali in fase pre invaiatura, con colorazione prevalente verde; - Tempestività nella molitura : quasi tutte le partite di olive sono state lavorate nelle 6-12 ore dalla raccolta, grazie alla dotazione di moderni frantoi a ciclo continuo, di adeguata potenzialità estrattiva. Tutto ciò ha consentito (riferimento al frantoio Pavone) di produrre olio per la quasi totalità “extra vergine” con valori di acidità espressa in % di acido oleico che si sono attestati mediamente su 0,5% e che hanno raggiunto il top con minimi di 0,2%. Il tenore in perossidi è altrettanto buono e rassicurante risultando mediamente di 7-9. Si può dunque concludere che il comprensibile allarmismo diffusosi già dai primi giorni di ottobre, tra i produttori, frantoiani e consumatori, ha trovato giustificazione generando due effetti contrastanti: da una parte molti produttori impauriti hanno rinunciato, a priori, alla raccolta senza neanche rendersi conto dello stato reale del prodotto; dall’altra è stato campanello di allarme per indirizzare alla adozione di accorgimenti tecnico-gestionali sull’anticipo della raccolta e sulla tempestività della molitura. Un ulteriore “allert” da raccomandare soprattutto ai consumatori è il rischio di truffe che si nascondono, in annate come questa, nella commercializzazione degli oli extra vergini a prezzi bassi. Elemento di garanzia è rappresentato proprio dal prezzo oltre che dalla conoscenza (magari diretta) del produttore/distributore dell’olio: per la eccezionale e singolare situazione produttiva e qualitativa dell’olio extra vergine di oliva italiano prodotto sia a livello regionale sia nazionale, il prezzo congruo e garantito non può scendere al di sotto di 8,00-10,00 euro al litro. Nella consapevolezza della negatività generale della campagna olearia 2014, un elemento positivo e di riflessione è l’occasione della valorizzazione della filiera olivicola-olearia e, in particolare dell’”oro giallo” , le cui peculiarità nutraceutiche e salutistiche sono spesso sconosciute o poco apprezzate anche in termini di prezzo di mercato in relazione ad altri prodotti alimentari…………. vino in primis.

16 Novembre 2014 -

LA FUNZIONE DIDATTICA DEL FRANTOIO PAVONE

LA FUNZIONE DIDATTICA DEL FRANTOIO PAVONE Cresce sempre più la sensibilità e la disponibilità dei titolari del frantoio Pavone per la promozione della funzione didattica nelle scuole volta a diffondere e valorizzare la filiera olivicola-olearia e gli aspetti collaterali nutraceutici, culturali e ambientali. Particolarmente interessanti e significative sono state le ultime due visite didattiche : la scuola elementare “Colozza” di Frosolone (IS) e “E. Ciafardini” di Trivento (CB) che hanno visitato il frantoio nelle giornate del 31 ottobre e 8 novembre 2014. Secondo un programmato modulo informativo e formativo, i titolari dell’azienda hanno proposto una lezione teorico-pratica sulla conoscenza e trasferimento di nozioni sulla filiera olivicola-olearia, con particolare riguardo alla estrazione dell’olio extra vergine di oliva, incentrando la trattazione sui seguenti temi : - Gli aspetti produttivi, culturali e paesaggistico-ambientali della olivicoltura locale; - I sistemi e processi di estrazione dell’olio extra vergine di oliva; - Le peculiarità nutraceutiche e salutistiche dell’olio extra vergine di oliva; - La certificazione e la tracciabilità di processo e di prodotto a garanzia del consumatore; - Principi elementari delle modalità e tecniche di degustazione e valutazione dell’olio extra vergine di oliva; - Il ciclo ambientale “chiuso” del frantoio basato sul recupero e valorizzazione di tutti i sottoprodotti della estrazione (foglie, acque di vegetazione, sansa); - Le azioni energetiche legate all’efficientamento e produzione da fonti rinnovabili; In tal modo i piccoli discenti hanno potuto apprendere e toccare con mano l’intero svolgimento del ciclo estrattivo partecipando direttamente alle varie fasi lavorative. La visita, come di consueto, si è conclusa in una gioiosa aria di festa, con la degustazione del pane con l’olio che inevitabilmente ha riscosso successo e apprezzamento da parte dei piccoli scolari. Al fine di accrescere le conoscenze del mondo della olivicoltura e della produzione dell’”oro giallo”, è intenzione dei “mastri oleari”del frantoio “Pavone” promuovere, nell’ambito del sistema scolastico, un progetto di comunicazione formativa di educazione alimentare, culturale e ambientale, assegnando premi in “acquisti verdi “ alla scuola, classe, alunno vincitori.
1 - 2 - 3 - 4 - 5